HINTERLAND DANCE THEATRE

Hinterland Dance Theatre è un modo di concepire la vita guidato dal desiderio di creare sensazioni ed emozioni attorno ad un centro piuttosto che in esso, laddove la vita stessa ha un sapore più deciso e crudo ma vero, con il fine di esaltare la realtà per ciò che è, piuttosto che negarla.

Hinterland nasce come esigenza da parte del maestro Fernando Pasquini di intraprendere il proprio percorso autoriale, affiancandolo, parallelamente, a quelli già presenti di danzatore ed insegnante.

Nel 2012 HDT produce la sua prima performance, dal titolo Re-Birth, lavoro autobiografico focalizzato sulla rinascita personale che segue un periodo complesso. La performance è andata in scena in prima nazionale al Teatro Novelli di Rimini.

Il 2013 è l’anno di AMA-DEUS, lavoro che affonda le proprie radici nell’analisi dei sogni e della follia di un artista. Lo spettacolo ha debuttato alla rassegna Danza In Vetrina della città di Treviso.
Sempre del 2013 è Solo Parole, che tratta di relazioni e interconnessioni tra le persone, affrontando il tema della perdita di empatia nella nostra società.

Nel Giugno 2014 debutta il primo studio di “Bricks”, produzione che incentra la propria idea sulle problematiche della relazione di coppia, cercando di dare una risposta alla domanda di equilibrio insita in ognuno di noi. Bricks replica l’anno successivo, con il secondo studio, all’interno del progetto Supporter di ArteVen, prima al Teatro Toniolo di Mestre e poi al Teatro Comunale di Vicenza.

“Forse il lupo ha le corna”, nuova produzione della compagnia, ha la propria genesi nell’autunno del 2015, per poi debuttare con un primo studio nel Febbraio 2016 al Kitchen Teatro Indipendente di Vicenza. L’anteprima nazionale dello spettacolo è fissata per il 21 Giugno 2016 al Pavullo Danza Festival (MO). Una produzione che tratta della relazione tra uomo, cultura e superstizione.

Nel corso degli anni HDT sviluppa importanti progetti di formazione quali: Feel and move 2013 ( Chòrea Art Studio, Treviso); Feel and move 2014 con la partecipazione di Loredana Parrella (Chòrea Art Studio, Treviso); Parole dal Corpo 2015 con laboratorio coreografico tenuto da Loredana Parrella (Chòrea Art Studio, Treviso ); Autostop 2015 con la partecipazione di Ornela Gjiuzja ed Edoardo Piccolo (Kasadanza, Rosà -VI- ); e in ultimo C.I.M.E. 2016 Corso Intensivo Modalità Espressive con la partecipazione di Loredana Parrella, Claire Benson e Loris Petrillo (Kasadanza Rosà -VI-).

Nel 2015 la compagnia viene scelta all’interno del progetto Cantiere Giovani_Nuovi Autori di OFFicinaTwain_Centro Promozione Culturale_Regione Lazio e dal 2014 viene sostenuta e prodotta da Cie Twain physical dance theatre Compagnia di Produzione Danza sostenuta dal MiBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.

La compagnia, dal 2015, è in residenza artistica ed operativa presso Kasadanza (VI), spazio diretto da Selenia Mocellin, che da sempre ha uno sguardo attento rispetto alle realtà del territorio.